LA CELEBRAZIONE COMUNITARIA DEL BATTESIMO (TEMPO ORDINARIO quarta parte)

 

DON ENRICO FINOTTI

“Per meglio porre in luce il carattere pasquale del Battesimo, si raccomanda di celebrarlo durante la Veglia pasquale o in domenica, giorno in cui la Chiesa commemora  la risurrezione del Signore”.[1] 

La Domenica è il giorno più idoneo per la celebrazione del sacramento del Battesimo. Infatti, mediante il Battesimo vi è la partecipazione radicale al mistero pasquale di Cristo che soprattutto nella domenica viene regolarmente celebrato.

La celebrazione del Battesimo non deve essere considerata un fatto privato delle famiglie interessate, ma una celebrazione pubblica di tutta la comunità che accoglie nuovi figli nel suo seno. Per questo è opportuno che tale celebrazione sia aperta il più possibile ad una larga partecipazione del popolo, sia annunziata dalle campane e vi sia la presenza dei ministri necessari, accoliti, lettori, cantori.

“Il popolo di Dio, cioè la Chiesa, presente nella comunità locale, ha un compito importante nel Battesimo dei bambini…  Il bambino, infatti, sia prima che dopo la celebrazione del sacramento, ha diritto all’amore e all’aiuto della comunità. Durante il rito la comunità interviene esprimendo, insieme con il celebrante, il suo assenso alla professione di fede fatta dai genitori e dai padrini. In tal modo appare chiaro che la fede, nella quali i bambini sono battezzati, è ricchezza non soltanto della famiglia, ma di tutta la Chiesa di Cristo”.[2] 

Se qualche volta è opportuno che il battesimo venga celebrato nella messa, tuttavia questa non deve diventare la norma, avendo le varie domeniche contenuti e caratteristiche rituali tipici, non sempre componibili con l’ulteriore celebrazione del battesimo.

“In domenica, il Battesimo può essere celebrato anche durante la messa, affinchè tutta la comunità possa partecipare al rito, e risalti chiaramente il nesso fra il Battesimo e l’Eucaristia. Non lo si faccia però troppo di frequente”.[3]

[1]        Rituale Romano riformato a norma dei decreti del Concilio Ecumenico Vaticano II e promulgato da Papa Paolo VI, Rito del battesimo dei bambini, Conferenza episcopale italiana, Roma, Edizioni Pastorali Italiane, 1970, n. 9.

[2]        RBB, n. 4.

[3]        RBB, n. 9.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *